migole che sluse

      333.mp3

‘na luce tendra e tebia dré ‘n tamìs
l’è luciole che sbrigola de amor
coltrina su ‘nden lum scondù e petìz
sdindona dolcia e ‘ndora i nosi sogni

lì ‘n mèz ‘na stela palida che sluse
la vegia sora chiche stà ‘vardar
e ‘n font la val palesa berechina
ciutando drè dal mont ‘na luna ciara

e ‘mpresa le se sconde ‘n pöc spavente
come che ‘l bol ghe meta sudizion
ma subit come mama che capise
la gira ‘l pas par sconderse de nöo

mi speto con el sguardo fis su ‘n méz
quel albor de Nadal che ancor se ‘mpizia
e prima che se sentia ‘l cant del gal
come ‘n minòt fà cife ‘n lumesin

el cimega pan pian come ‘n susùr
pò ‘n tendro azur del ciel lo manda a cucio
e quel brusor che mi me sento dent
me slimega rosada sule galte

Giuliano

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons