This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Sep 21 18:58:38 2020 / +0000 GMT

fòrsi...




gratàrse gió i penséri dala zùca
l'è sqoàsi 'n colp de pèten dat par gnènt
se i cròda 'n tèra senza far remór
lassàdi a rebaltàrse 'n schéna al vènt

ferùscoi i se reména 'n la mè testa
girando come pirli a bòtaciùch
e tut rembomba dént, campane rote,
cantando 'n sòn balèngo a tegnir frét

po' dré 'n canton, spavènt, ciuterà 'n brèghel
de qoei che a tut le gènt fà maravéa
en cìch 'mprendù de 'nsògni a la malora
strengiù 'n le fizze de 'n sgrifón su 'n fòli

metù su 'n de na fàcia sconosùda
gatàda 'n de 'l tacuìn, a sfodegàr

Giuliano

forse...

grattare giù i pensieri dalla testa | pare quasi un inutile colpo di pettine  |  se cadono per terra senza far rumore | lasciando che si rivoltino in schiena al vento | malandrini si rotolano nei miei pensieri | girando come trottole impazzite | e tutto rimbomba dentro, campane rotte, | cantando un suono distorto che dà i brividi | poi da dietro un angolo, timido, fa capolino un grido | di quelli che la gente mai si aspetta | un urlo intriso di sogni alla deriva | stretto nelle pieghe d'un segno su di un foglio | appoggiato ad una faccia sconosciuta | trovata nel portafoglio a rovistare

Arrivano le elezioni e forse...

 
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com