This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Sat Apr 13 5:40:28 2024 / +0000 GMT

bàla, putat...



bàla, putat, tónda sui vedri le tò storie,

qoéi tò strangossi repezàdi da na strìa

vegnùda 'n vòlta dessiguàl del vènt de aotùn

qoanche 'l pitùra de castègne l'aria mìzza

e pò sdindòna 'n tantalàn gio par le fràone

bàla, putàt, fintant che 'l dì 'l mìssia la nòt

tacando i 'nsògni tòi pu bèi a na matèla

che la tonda come 'n pirlo 'ntorn al viver

e sbàia 'n cagn för par i pòrteghi smorzàdi

ma 'ntant la luna la te cìmega, marùgola

la crede de èser éla la tò storia

e la se scònde al scur, dòna petìza

Giuliano

balla, ragazzo...

balla, ragazzo, fai girotondo sopra i vetri con le tue storie, | di quei tuoi desideri rammendati da una strega |  ritornata come il vento d'autunno | quando dipinge di castagne l'aria fradicia | e poi rintocca un campanaccio in mezzo ai vicoli | balla, ragazzo, fino a quando il giorno si confonderà alla notte | attaccando i tuoi sogni più belli ad una fanciulla | che gira come trottola attorno alla vita | e abbaia un cane nei portici scuri | ma intanto la luna ti ammicca, sciocca | crede di essere lei la tua storia | e si nasconde al buio, donna altezzosa

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com