This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Tue Jan 28 20:04:32 2020 / +0000 GMT

A l'ombrìa de la caldéra




L'à batù 'l so tantalàn
el batòcio de la granda
tuti qoanti 'n procesion
coi océti reversàdi
a vardàr se 'l ciel paron
el li 'nstrada 'n paradìs

La caldéra reversada
la par qoèrt de n'abazìa
ma i susùri tuti entorn
i empitùra négro 'l viver
strozegandose dré gènt
en strangossi benedeti

L'è la cupola pù granda
che la strùca ensema 'l mondo
a sofiàr sul föc de tìa
e 'ndorbìr le ment poréte
l'èi el sol de 'l nos doman
che valgun ciàma avvenire

Giuliano

all'ombra del paiolo

ha suonato il suo rintocco | il battocchio della Grande | tutti quanti in processione | con gli occhietti veneranti | a capire se il padrone | li convoglia in paradiso | Il paiolo rovesciato | sembra il tetto d'un abbazia | ma il bisbiglio tutto intorno | annerisce il nostro vivere | trascinando dentro gente | in desideri di benedizione | è la cupola più grande | che si stringe il mondo addosso | a soffiare sul fuoco fatuo | e accecare le menti inermi | è il sole del nostro domani | che qualcuno chiama avvenire

 

I fatti di Roma di questi ultimi giorni mi mettono in forte crisi, aldilà dei personaggi coinvolti. Non parteggio per Marino, lo conosco troppo poco, ma parteggio per chi lo aveva votato e lo aveva portato al Campidoglio. Dimettersi è un verbo "riflessivo" (e non a caso è ambivalente)


Il pezzo in sottofondo è la Marcia Funebre per una Marionetta di Gounod, e non è a caso
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com