qoèrta negra…

      6540.mp3

tuta négra la nòt, la ‘mbombìsse la sera
l’èi calìva, garnìzz su farina de stéle
empiantàde ‘n le fìzze de nùgole pégre
la me pètena i grópi de giöghi putàti
che i se strénge, ‘n ridùde da mat, i mè ‘nsògni

sènto ‘l cör  che ‘l mesùra i menùti pan pian
su la val el silènzio ‘nsordìsse paròle
‘ngremenìde da ‘n sgianz de ‘n autèl dré la curva
le me cònta de mi che no scólto matérie
le è batòci da òbito su l’erta del tó

slùse tébie le lum de scondón da na luna
le à respèt de scontrarme ‘n le fràone ‘nghiaciàde
mi me strùco a sta nòt  de paturnie entrombàde
da na vóze che béghela trìsta e pò niènt
l’è i penséri balèchi che i entòna matina

i è na qoèrta che ‘ntortola ‘n viver malà
senza pirole dolcie a stormenir la me strada
tuti négri, no i zéde, i è ‘l sofèr de i me dì

Giuliano

coperta nera…

tutta nera la notte, lei ricopre la sera | è foschia, è fuliggine su farina di stelle | intarsiate nelle grinze di nuvole stanche | lei mi pettina i nodi di giochi fanciulli | che si stringono in pazze risate i miei sogni | sento il cuore che lento misura i minuti | sulla valle il silenzio zittisce parole | congelate da un lampo di un’auto nel bosco | raccontano di me che non sto più a nessun gioco | son campane da morto sull’erta della china  |  luccicano tiepide lumi di nascosto a una luna | sembra temano un incontro con me tra i vicoli gelidi | io mi stringo alla notte di paturnie ubriacate |  da una voce che bubbola amara e poi niente | son pensieri contorti che intonano il giorno | sono una coperta che si avvolge ad un vivere grigio | senza pillole dolci a stordire il cammino | tutti neri, non rinunciano, sono l’autista dei miei giorni

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






4 commenti su “qoèrta negra…

  1. Molte immagini poetiche in tutta la composizione. Trovo che qualche punto non ci starebbe male a meno che ( e può essere) il tuo intento sia di costringere il lettore ” dentro” la tua coperta nera ad assorbire i tuoi pensieri…Tutto d’un fiato. Resto sempre stupito dal tuo dialetto così prossimo (in loco) al mio e tanto diverso nei termini. Devo dirti bravo.
    Livio

  2. Ciao Diablo
    Entant complimenti!!
    Legio i tò versi e me par de perderme ‘ntéi ciaro scuri de frone, cuèrte che scònde i penseri pù fondi de na vita passada a bissabòa rasentando i paracari…
    Brao. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available