This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Sep 28 9:14:32 2020 / +0000 GMT

qoèrta negra...




tuta négra la nòt, la 'mbombìsse la sera

l'èi calìva, garnìzz su farina de stéle

empiantàde 'n le fìzze de nùgole pégre

la me pètena i grópi de giöghi putàti

che i se strénge, 'n ridùde da mat, i mè 'nsògni

sènto 'l cör  che 'l mesùra i menùti pan pian

su la val el silènzio 'nsordìsse paròle

'ngremenìde da 'n sgianz de 'n autèl dré la curva

le me cònta de mi che no scólto matérie

le è batòci da òbito su l'erta del tó

slùse tébie le lum de scondón da na luna

le à respèt de scontrarme 'n le fràone 'nghiaciàde

mi me strùco a sta nòt  de paturnie entrombàde

da na vóze che béghela trìsta e pò niènt

l'è i penséri balèchi che i entòna matina

i è na qoèrta che 'ntortola 'n viver malà

senza pirole dolcie a stormenir la me strada

tuti négri, no i zéde, i è 'l sofèr de i me dì

Giuliano

coperta nera...

tutta nera la notte, lei ricopre la sera | è foschia, è fuliggine su farina di stelle | intarsiate nelle grinze di nuvole stanche | lei mi pettina i nodi di giochi fanciulli | che si stringono in pazze risate i miei sogni | sento il cuore che lento misura i minuti | sulla valle il silenzio zittisce parole | congelate da un lampo di un'auto nel bosco | raccontano di me che non sto più a nessun gioco | son campane da morto sull'erta della china  |  luccicano tiepide lumi di nascosto a una luna | sembra temano un incontro con me tra i vicoli gelidi | io mi stringo alla notte di paturnie ubriacate |  da una voce che bubbola amara e poi niente | son pensieri contorti che intonano il giorno | sono una coperta che si avvolge ad un vivere grigio | senza pillole dolci a stordire il cammino | tutti neri, non rinunciano, sono l'autista dei miei giorni

 

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com