bòstrico…

e dopo trèi nòt, catìo come ‘n tass
à fat tonde ‘l ghirlo, cuciando gio ‘l bosch
no gh’è stà redèntio, i è tuti ‘n ghinòcio
chi ‘ntréch, chi scavézz, l’è plàghe par tèra
e i còssi a Nadàl i s’à fat su ‘n disnàr
de scòrze smorbiàde da pianti del ciel
e adèss, par dispèt o fòrsi a reson
i se sgionfa la pancia, rugànti moderni

che ‘l sia ‘l siore Dio che ‘l vede lontàn
a darne ‘n spinton con magnari furèsti?
Magari ‘n padèla, de malga ‘l botér
o ‘n mèz a ‘n amblèt con na sgéva de mel
i è gròssi e bèi lònghi e i se làga broàr
no sèrve pù s’ciòpi e nepùra cortèi
te basta moiéte ‘mpontade sul nass
e se i te par brodeghi, endentete ‘n sass

Giuliano

manna

e dopo tre notti, arrabbiato come un tasso | si è scatenato il vento, piegando giù il bosco| nessuna pietà, sono tutti in ginocchio |  chi intero, chi spezzato, sono distese abbattute | e i vermi a Natale hanno fatto un gran pranzo | di cortecce ammorbidite da pianti di cielo | e adesso nascosti per dispetto o a ragione | si gonfiano la pancia, maiali moderni | che sia stato Dio che vede lontano | a darci una spinta verso cibi stranieri? | Saltati in padella con del burro di malga | o dentro una crepe col profumo di miele | sono lunghi e tripponi, si lasciano friggere senza dire mai niente | non servono più né fucili né coltelli | ti basta una molletta appuntata sul naso | e se fanno schifo addentati un sasso

Non è che sia un messaggio subliminale?

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 risposte a “bòstrico…”

    1. non ho cambiato registro, il senso era quello, anche dal titolo
      comunque ognuno è libero di leggerla come gli pare.
      Ho cercato, in maniera ilare, di dare un senso al disastro.
      Grazie del commento, Diaolin

Rispondi a diaolin Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available