caìa… (torégn)

tegnù strùch a la monéda
‘ntortolà a qoei desidèri del tò ti
se ‘mbombiss sgionfe scarsèle
e se delìbra da passión
anca tute qoéle fìzze del cervèl
che no le à mai vist na lum che no slusèntia
e tut qoant devènta aqoa
slìssa e pégra, senza cantoni
negun vede le tò smanie
trategnude ‘n de ‘n tacuìn
fat de làste contra ‘l tèmp
trate lì come stramèze
tèrmen séch ‘n tra ‘l tò e ‘l mè
tut de ‘n trat te rendes cònt
che è restà sol na muràia
de baiòchi
e de ént, gh’ès ti ‘n preson

taccagno…

aggrappato a una moneta |  attorcigliato ai desideri del tuo io |  si riempiono gonfie le tasche | e si liberano dalle passioni | tutte le pieghe del cervello | che non hanno mai visto un sole che non luccichi | poi tutto si trasforma in acqua |  liscia, lenta senza spigoli |  nessuno vede le tue smanie |  trattenute in un portamonete | di lastre di pietra contro il tempo | messe lì come tramezze | inesorabile confine tra il mio ed il tuo | d’improvviso nasce il pensiero | che sia rimasta solo una muraglia | di Bajocchi | e di dentro, ci sei tu, in prigione

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available