fémene…

      1435.mp3

encöi tuti i se slànega a slisiàrve
come che ‘l vìver fùšia ‘n dì de marz
dedré da ‘n védro grìs che sqoèrge sói
e bórsi che no i creše sóta ‘l piöver

séo fémene par tuti, ‘nsìn qoéi grévi,
e i crómpa ‘n fior pu giàlt che slùse fìš
par endorbìrve a gesti e maravée
‘n de na caréza che vorìšè dént

encöi vorìa scoltar le tò paùre
senza che ‘l cör no ‘l te vegnìš pù gréo
vedendo dent de ti, sinzér, l’aùt 
sgolando sui tò sogni, amór tasèst

su ale delibràde al vènt rabiós
par sugàr för linzöi da ràbie crùe
che i rèstia ‘n cùcio dolc’, tébi, de bata
putèla mèa  che sbrìgoles le nòt

vesìni,su ‘n na strada fata ‘n dói
ensèma a chi par ti podrìa èser vìo
encöi, magari sèmpro fin de sera
scoltando, al sol che leva, ‘l cant del dì

Giuliano
 

donne

oggi tutti si arrabattano a farvi le fusa
come la vita fosse un giorno di marzo
dietro ad un vetro grigio che copre il sole
e bambini che non crescono con la pioggia

siete donne per tutti, persino quelli più duri
e comprano un fiore giallo che sembra luccicare
per accecarvi con meraviglie e gesti
in una carezza che vorreste dentro

oggi vorrei capire le tue paure
senza che il cuore ti diventi più pesante
vedendo dentro te, sincero, l’aiuto
volando sui tuoi sogni, silenzioso amore

sulle ali liberate al vento rabbioso
per asciugare lenzuola da crude rabbie
che restino un nido dolce, tiepido d’ovatta
ragazza mia, che luccichi le notti

vicini su una strada percorsa in due
assieme a chi per te potrebbe essere vivo
oggi, magari per sempre fino alla sera
ascoltando, al sole che nasce, il canto del giorno

è per l’8 marzo…e anche per gli altri giorni dell’anno

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “fémene…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available