la pèl…

      1508.mp3

l’era ‘n dì de primavera col sol bas
che l’asiàven dai e dai da tut l’invern
con doi canti o ‘n orazion tegnudi a mént
par far festa col vestì crompà al marcà

a smorzàrme qoel ensòni na matina
me desmisia la Tonézera a martèl
l’aria gréva a resentàr tuti i penséri
la ‘ngremiva le mè gènt e tut taséva

e la ciòca la batéva ‘l sò tormént
come ‘l fùsia l’angonìa de tut la val
sol na lùm de dent ‘n de i òci dei me amizi
co ‘n pensér che giasegava a dar festìdi

l’ài sentuda pròpi ‘ndòs, qoel dì, la nòt
come ‘l fus na petenada che te sgrìfa
e negùn che ghe da a mént le tò parole
strozegadi ‘n dei sò cruzi a séi ledràr

dré la gésia s’è ‘mpontà le meridiane
come ‘l tèmp fus sol qoel sgiànz che mai no vèn
e i zirési a domandarghe a ‘l vènt rabiós
de fermarse a scoltàr cèt senza ‘n susùr

qoela nòt de dent de mi scondu dré l’us
s’è smorzà qoel tòch de ciel mai palesà
scampà via da sot le man, desmentegà
lasà dent ‘n de na reson mai desgartiàda

ai vist gènt ‘la comunion senza far festa
a sgociarghe aqoa santèl dai òci mizi
e qoél vènt zidios fermarse ‘n trà le fràone
tàser dolc le sò pasión fin che vèn nòt

m’è restà na spedalàda arènt na stéla
e qoel aria su la pèl che no è sol mèa

Giuliano

era un giorno di primavera con il sole basso
lo stavamo preparando un pò alla volta da tutto l’inverno
con due canti o una preghiera ricordata a memoria
per fare festa con il vestito acquistato al mercato

a spegnermi quel sonno una mattina
mi sveglia la Tonezzera(campana) a martello
l’aria greve a risciacquare tutti i pensieri
intirizziva la mia gente e tutto era silenzio

e la campana rintoccava il proprio tormento
come fosse l’agonia della valle intera
solo un lumicino dentro gli occhi dei miei amici
ed il pensiero che ribolliva fino a dare fastidio

me la sono sentita addosso, quel giorno, la notte
come fosse un pettine che graffia
con nessuno che dia ascolto alle tue parole
immerso nei propri crucci a rincalzarli

dietro la chiesa si sono fermate le meridiane
quasi che il tempo fosse solo il raggio di sole che non si presenta
ed i ciliegi che chiedevano al vento arrabbiato
di fermarsi ad ascoltare in silenzio senza disturbare

quella notte dentro di me nascosto dietro l’uscio
si è spenta quella parte di cielo mai notata
scappato via da sotto le mani, dimenticato,
abbandonato in una ragione mai più chiarita

ho visto gente in comunione senza fare festa
con l’acqua santa come lacrime dagli occhi
ed il vento accidioso fermarsi tra i vicoli
tacendo dolce le proprie passioni finché è notte

mi è rimasto il ricordo di una pedalata vicino ad una stella
e quell’aria sulla pelle che non è solo mia

Ci sono delle volte nella vita che accadono dei fatti incredibili…
questo successe molti anni fà…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






7 commenti su “la pèl…

  1. Giuliano…
    …..l’ài sentuda pròpi ‘ndòs, qoel dì, la nòt
    come ‘l fus na petenada che te sgrìfa
    e negùn che ghe da a mént le tò parole
    strozegadi ‘n dei sò cruzi a séi ledràr……
    … Mostra tutto
    …e qoél vènt zidios femarse ‘n trà le fràone
    tàser dolc le sò pasión fin che vèn nòt

    m’è restà na spedalàda arènt na stéla
    e qoel aria su la pèl che no è sol mèa…

    Giuliano.
    Sai , se ci sono anciora lacrime come le tue?
    Belle lacrime che hanno scritto questi versi
    che tolgono il respiro.
    Che mi fanno stringere a te
    per avvicinare la vita.

    Come si può fare di un dolore
    una poesia che è intessuta di un’atmosfera
    che senti dentro, come se ci si trovasse li con te
    a sentire quell’aria ferma, “quell’aria di vetro ”
    che è come un brivido freddo sulla pelle..
    un gelo..che ti piomba addosso,
    invece è Primavera…e non ti spieghi perchè
    è improvvisamente diventata una primavera così crudele..
    …ad avvertire quel silenzio che è piombo fuso
    nell’anima.

    Come se il sangue avesse smesso di fluire in petto.

    Perchè si sente, Giuliano.. quello squarcio freddo che ha tagliato l’aria della primavera, di una giovane primavera.
    Perchè i colori si sono versati a sparire nel nero.

    E tu sai dire, Poeta, e sai riprendere la vita ancora
    con una rincorsa…recuperando una immagine bella
    nel vento e sulla pelle
    perchè ritorni negli occhi e nei volti
    e nelle notti la passione
    ancora e per tempo
    ancora
    l’aria profumata della
    luce chiara di una primavera.

    Capisco. E un bacio per ogni tuo canto.

  2. “Lo stavamo preparando”.
    Un matrimonio, una nascita…
    Non è dato saperlo.
    Il dolore, invece, è descritto con un lamento di una compostezza ineguagliabile.
    Esso si è attaccato alle cose…. Mostra tutto
    Non sono solo le persone a piangere, è il posto, la realtà del luogo che lacrima.
    Il tempo è sparuto pur esso.
    Sei formidabile, Giuliano, a coniugare la parola e le cose.
    Il pensiero si dissolve nella cosa e la cosa si anima.
    È la tua qualità poetica, artistica.
    Ed è stupenda.
    Grazie, Giuliano.

  3. Bravo Giuliano ma brava, a mio modo di vedere, anche Anna Schettini che ha fatto una poesia con la tua poesia.
    Io, forse abbruttito dalla quotidianità, vedo, come sempre, tante belle immagini. A volte però slegate fra loro. Ciò che non vedo, che mi sfugge cioè, abbi pazienza, è il filo conduttore di quell’accadimento.

    Da un punto di vista tecnico, noto una prima strofa molto scorrevole di endecasillabi cui seguono altre (molte) strofe dove l’endecasillabo si mescola col dodecasillabo. Ma può essere che a te questo aspetto non interessase. Qundi non badarci.
    L'”ensòni” del 1° verso della seconda strofa andava forse tradoto con sogno, anzicché con sonno?

  4. Caro Giuliano,
    Ivonne invece, coinvolta da me, trova la poesia molto profonda e toccante, letta con la solita tua bravura. Lei il filo conduttore l’ha individuato all’istante.
    M’ha pregato di fartelo sapere

  5. Caro Guido, il filo conduttore non e’ l’accadimento ma la sensazione che ha pervaso tutta la comunita’, anche il vento e gli alberi ne sono stati coinvolti.

    L’accadimento e’ stato imponente per la nostra dimensione umana ma allo stesso la comunita’ ha risposto con un sentire comune mai piu percepito, almeno dal sottoscritto

Rispondi a anna schettini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available