This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Aug 23 6:34:21 2019 / +0000 GMT

bata…


come qoànche te se sfonda i pèi sul tèndro
co' l'usmàr saorì del piöver 'n de na póza
'mprofumàda da na vóze che la canta, orlòi sinzér
par fermarse e pò scampàr e, man a man tornar de vòlta

campirlòti, schiramèle e na pirècola 'n de 'l ciel
le se sgiónfa berechìne strozegàde sóra 'l vènt
pò le pòlsa a pianger fiš sóra i nòsi crùzi grévi
par netàrli 'n pöc par föra ché par dent negùn diš gnènt

ghe n'è una pròpi lì, su dré 'l mont che la fà ociéti
la se scònde su la cima par giugàr a scondiléoro
dré 'n avéz da i rami séchi con en nìo pogià al stravènt
l'ài gatada anca stavolta ma la s'è pišada 'ndòs

mi no sai se è stà 'l spavènt ma de 'n colp l'èi bianca s'cèta
e la córe ensèma al vènt vers la nòt che se arvesìna
l'èi ciaròta e la par bata che te vèn da darghe 'n baso
ma la scampa, éla, zevìla, gh'è la luna è l'è tut  sò

Giuliano

come quando ti affondano i piedi nel morbido
con l'odore forte della pioggia in una pozzanghera
profumata da una voce che canta, orologio sincero
per fermarsi e poi scappare e ritornare sui propri passi

balzi, capriole ed una giravolta nel cielo
si gonfiano birichine trascinate sopra il vento
poi riposano a lacrimare sopra i nostri crucci grevi
per pulirli in superficie ché di dentro a nessuno importa

ce n'è una proprio lì, dietro il monte che fa l'occhiolino
si nasconde sulla cima per giocare a nascondino
dietro un abete con i rami secchi ed un nido esposto alle intemperie
l'ho trovata anche stavolta ma si è fatta la pipì addosso

non so se sia stato lo spavento ma d'un tratto è tutta bianca
e corre insieme al vento verso la notte che si avvicina
è tanto chiara e sembra cotone e vorresti baciarla
ma scappa, lei, altezzosa, c'è la luna e tutto diventa suo
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com