This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Apr 15 21:14:26 2024 / +0000 GMT

làpis...


tacàda dré da 'l làpis giùst spizà
la man che scórla e bróntola rebùfa
la làga che 'l susùr se feš engiòstro
a 'mpituràr de tórn le màcie bianche

corèndo, le paròle le par séšeri
che i rìdola su sàbia sgualivàda
e i laša segni 'n tèra come 'n piöo
par pò vegnìr soménza e butàr növe

ma 'l perde la sò ponta anca 'l pù spìz
strisàndo come 'n sgrìsol sula schéna
e 'l ràša qoanche 'l toca 'l pè de sota
garnìz che sporca sföi, arbandonàdi

pò sfondo fis la man che rèstia róta
de 'l fil dei mè penséri, sói, smamìdi
via 'n mèz la carta, néo tegnùda néta
da chiche me völ veder sol cucià

e l'ultim sgrìf l'è stà 'n ciapòt 'n de i òci
che 'l m'à cavà na làgrema e pu gnènt

Giuliano

attaccata dietro la matita appena appuntita
la mano che trema e brontola irritata
lascia che il rumore diventi inchiostro
per colorare i bordi di macchie bianche

correndo, le parole sembrano biglie
che rotolano sulla sabbia livellata
e lasciano segni in terra come l'aratro
per poi diventare sementi e rispuntare nuove

ma perde la sua punta anche quella migliore
stridendo come un brivido sulla schiena
e raschia quando appoggia il piede di sotto
come fuliggine che sporca fogli, abbandonati

poi affondo pesante la mano che rimanga traccia
del filo dei miei pensieri, soli, sbiaditi
in mezzo alla carta, neve tenuta pulita,
da chi vorrebbe vedermi solo a subire

e l'ultimo graffio è stato un bruscolino in un occhio
che mi ha estirpato una lacrima e più niente
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com