el cuciarìn…

      1597.mp3

el gira e ‘l tonda e ‘l par che ‘l bàlia ‘n ponta
pò ‘l ferma lì su l’or e ‘l sgócia la sò làgrema
che ‘n gió, pan pian rogièla ‘n mèz al brö

e avanti ancor doi bài e ‘l rónca fónt
che gh’è ‘n giarèl festìdi sota i cóspi
slišàndose pu ‘n gió che ‘l se desfàntia

cunà da man presón de fìze rùsteghe
l’encòntra ‘n baso tèndro a farsel sò
par ensaorìr de mél, làori de stèla

‘l se sente qoél calor deventàr strach
man man che i dì i se strózega a la nòt
e ‘l resta ‘n pel pu sol ‘n de ‘l cašetìn

ancöi l’è paša un vestì da plào
e gh’era anca le chìchere da festa
co ‘n resentìn de sgnàpa sora i pìzi

no ‘l sa se è feni ‘l zùcher pròpi adès
ma i l’à lasà li sol, sqoàsi ‘n dispèt
a el che avrìa volèst bagnarse el bèch

i à dit che ghe fa mal ‘ngiontàrghe dolc
bisòn tegnìrse ‘ndré che parte ‘l cör
ma ‘l sò, no i se ‘l recòrda pu negùn

Giuliano

gira e gira e sembra che balli sulle punte
poi si ferma lì sull’orlo e lascai cadere una lacrima
che scende delicatamente fin dentro il brodo scuro

ed ancora due balli e gratta in fondo
che c’è un granello che da fastidio sotto le scarpe(zoccoli)
lisciandosi più giù affinché si sciolga

cullat da mani, prigioni di rughe antiche
incontra un bacio tenero a farselo suo
per insaporire di miele labbra di corteccia

e sente quel calore diventare stanco
mano a mano che i giorni si affaticano alle notti
e rimane un pò più solo nel cassetto

oggi è passato uno col vestito bello
e c’erano pure le tazze da giorno di festa
con una bottiglietta di grappa appoggiata sopra il pizzo

non sa se è finito lo zucchero proprio adesso
ma l’hanno lasciato solo, quasi per dispetto
a lui che avrebbe voluto bagnarsi il becco

hanno detto che fa male aggiungere dolcezza
bisogna trattenersi che il cuore ne risente
ma del suo non se ne ricorda più nessuno

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “el cuciarìn…

  1. Il suono delle parole sconosciute, prima di avere la traduzione mi avevano suggerito il senso di un racconto di una immagine che raccontava … d’amore e di solitudine.

    Quell’inizio così realistico legato a quei gesti consueti che si fanno bevendo un caffè in una tazzina..si trasformano in quella ricerca di una dolcezza che si trova sul fondo di..una tazzullela ‘è cafè..quella dolcezza che si porta alle labbra e non solo, che è dentro l’anima…

    Mi piace pensare a quella “lacrima” che scivola lentamente in quel cafè bollente..una immagine delicata di pensieri e movimenti del cuore..che cerca la sua speranza sul fondo…

    ” ..’l se sente qoél calor deventàr strach
    man man che i dì i se strózega a la nòt…..

    “stròzega a la not…mi piace questo…. il suono di questa parola, che tu usi molto nellle tue poesie..
    ha un suono assoluto pieno denso e significativo.
    E la sua immagine è di forte malinconia…

    Mi fermo qui. Giuliano..

    Molto bella questa dolcezza struggente di solitudine..
    Un bacio per ogni tuo canto. Ciao.

  2. El cafè. el gerìa bevù senza zucher, par la verità! Anca par gustarne mèio el saor. No’ l’è pù na novità, ancòi na chichera de cafè: ma valghe àn fà, bastava na gocia de cafè bòn, par tirarne su ‘l fià! Adès? No’ basta ‘n Adés de cafè par desvegiarne da quela lèla che n’à ciapà! Ma valà che con en goc de zoanina po’ torna l’istà!
    SPERONTE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available