dolc…

      1677.mp3

coìšeme gió  encöi,
dal ciaresàr ‘nšìn rugiol
carezando ‘l ram ‘ngobì
da ‘n s’ciàp de bale  négre

e pòsteme ai tò làori
come fus fior dolc de ortìga
dai, bìneme ,co le tò man
e strùcheme, ‘n de boca
che me delévia ‘l calt del fià
par enšaorìrte i sogni töi

e sula lengua lagàr strìse,
de color negro, dólcie
a ‘mpiturarte de pašion
qoanche me vedes lì

tacada a ‘n ram
soliènta
al vènt che fis’cia

Giuliano

raccoglimi, oggi
dal ciliegio arrugginito
accarezzando il ramo stancato
da uno sciame di palline nere

ed appoggiami alle tue labbra
come fossi il fiore dolce dell’ortica
ti prego, raccoglimi con le tue mani
e stringimi in bocca
che il calore del tuo respiro mi sciolga
per dare sapore ai tuoi sogni

e, sulla lingua, lasciare striscie
di colore nero, dolci
per dipingerti di passione
quando mi incontri lì

attaccata ad un ramo
sola
in balìa del vento

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






4 commenti su “dolc…

  1. Ciao vècle… sentimentalon dal os’cià. Fin l’altro dì se ‘n binava doi ala vòlta da meter su na recia a mò de recin; ma, da ancòi l’è deventà ‘n obligo tastarla stà ciaresa madura-squasi còta! Na spenelada de lustrofìn che laga ‘l segn! Stame bèn…
    Iaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available