faimalón…(quasi un racconto)

      1673.mp3

sota ‘l pòrtech de scondón vesìn al Bóra
cole braghe de fustàgn fin su ai ghinòci
sula porta del vòlt grànt seràda a ciào
el Mentìn l’à tirà för doi nazionài

sofranèi i aveva mi gió ‘n la scarsèla
gh’era ‘l Gufo che ‘l tendeva, dré ‘l canton
e par veder se èren grandi come i altri
l’è sta subito na ghèba e bosegàr

na tirada ‘n pöc par un e sternudàde
che vegniva su de sò la colazión
slagrimàde för da i òci ‘nfumegadi
e pò ‘n brèghel, gh’è valgun, pàša l pistór

el ne varda e ‘l se la ride, l’è ‘n bòn òm
e pò ‘l gira via gió sot vers al stradón
doi tirade,  na scotada e i làori sgiónfi
sènto ‘n zifól, l’è mè pare gai da nar

me presento ‘mprèša a cà, dent par el bar,
gh’è lì ‘l nono che ‘l fenìš na briscolòta
el me ciàma live arènt che me sentàš
‘l fa le carte, ‘l le da för, l’à ‘n man na ghèba

pò ‘l me varda e col sò far da sora ‘n giò
el me slònga li ‘l pachet e ‘l me susùra
“se te par de èser en òm pìpela chi,
de scondòn se va a robàr, brut faimalón”

GIuliano

sotto il portico di nascosto vicino al “Bora”
con i pantaloni di velluto fino alle ginocchia
sulla porta dell’avvolto chiusa a chiave
il “Mentìn” ha tirato fuori due Nazionali

gli zolfanelli li avevo io in tasca
e c’era il “Gufo” appostato, dietro l’angolo
e per verificare se eravamo veramente adulti
subito una sigaretta e tosse da impazzire

una tirata un pò per ciascuno e tanti starnuti
che sembrava di vomitare la colazione
lacrime dagli occhi riempiti di fumo
e poi un urlo, viene qualcuno, passa il fornaio

ci guarda e sorride sotto i baffi, è una brava persona
poi gira l’angolo e si avvia verso lo stradone
due tirate, una scottata e le labbra che si gonfiano
sento un fischio, è mio padre devo andare via

mi presento velocemente a casa, passando per il bar,
c’è mio nonno(Diaolin) che finisce una briscoletta
e mi chiama perché mi sedessi vicino
fa le carte, le da ai giocatori, ha in mano una sigaretta

poi mi guarda e con il suo modo da despota
mi allunga un pacchetto e mi sussurra sottovoce
“se pensi di essere un uomo fumala qui,
di nascosto si va solo a rubare, brutto malandrino”

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






6 commenti su “faimalón…(quasi un racconto)

  1. Pù che ‘n faimalon ères na sgénda! Mi, g’ài vendù, al epoca. al pare, na steca de “Stella”. Dese àni, de sforàuz, al “mercato nero”, ‘ntrà le frone dei “Pipe”… Vinti lire el pachét! Na scainada, e mi el m’à petenà el pare el dì che ‘l g’à esebì la steca – che l’èra sparida – al Nànzio! Pecdi de gioventù? Si… e ve garantisso che se podes tornar endré i rifarìa!

  2. Mi lacrimano ancora gli occhi.. dal ridere e al ricordo delle volte che anch’io provavo di nascosto a fumare.. erano Alfa, facevano tanto male e tanto tossire che per fortuna non ho mai iniziato! (Avevo 15 anni, però…)

  3. Grande Giuliano, quanto mi piace ascoltarle dalla tua voce! Mi par d’eser lì presente ad assistere alla scena! Grazie per questi splendidi momenti 🙂

  4. L’ho letta ieri sera alla “tarde”.
    Un piccolo frammento di stella, un piccolo delizioso amoroso frammento dell’esistenza, emerso alla memoria in un attimo. Una condensazione, un’atmosfera tenera che lascia una stria d’affetto per un uomo che ti voleva sincero..
    ma…. non si accorgeva che stava smontando il piacere di un piccolo segreto tragressivo..
    Colori pastosi di una miniatura, piccoli minuti pezzetti di vetri colorati che stringi geloso nella tua mano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available