groste

      1715.mp3

na parola de pu, strucàda
för  da ‘n làpis sqoasi sut
la sporca ‘l pel del lach
de àqoa ‘nghiaciàda,
bianch,
ma l’èi sol qoél susùr
che de sò no ‘l dirìa gnènt
che fes festìdi
l’èi grosta su ‘n sgrifon
che à dezipà la pèl
par delibràrla del sò umor
preson ai mè penséri negri
l’èi nada, adès
e ‘l vel che se deléva spénge ‘l sgol

Giuliano

una parola in più, spremuta
da una penna quasi asciutta
sporca il pelo del lago
di acqua ghiacciata,
bianco
me è solo un rumore
che non significherebbe niente
in altri momenti
è la crosta su un graffio
che ha rovinato la pelle
per liberarla del suo umore
prigione ai miei pensieri scuri
adesso se n’è andata
ed il velo che si scioglie spinge il volo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






5 commenti su “groste

  1. Diablo, òcio a cavar le groste! Toca aver almanco la malizia de dropar en slìp de aqua ossigenata, par disinfetar! Mi, se fussa en ti, me varderìa dal farlo. Poderìa enviarse via ‘n emoragia e, ala mal parada poderìsti crepar dessaguà! Se sà… el sanch no’ l’è aqua; e de ‘sti tèmpi l’è polito vender cara la pèl!
    Brao… ciao

  2. Una metafora di una bellezza sconfinata, Giuliano.
    Commentarla e come spogliare un sogno dell’incanto.
    Voler scarnificare un diamante per osservarne i riflessi.
    No!
    Un prezioso va osservato, goduto e lasciato lì….
    Pronto ancora per quando sentiamo la necessità di rifarci gli occhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available