This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Jul 22 5:59:01 2019 / +0000 GMT

la bedóla…


e cròda tute le sò giàlde föie
sul terzaröl, lassà marcir sul prà,
desmentegà da man 'nfizàde
restade, stràche, dent da l'ùs
a ciùtar för dai védri grìsi
l'aotùn che slarga 'l sò linzöl
color de ciànti de zigàineri
a 'mpituràr la nòssa vita
de sonade e de smarlòssi
ma ghe s'è crepà 'n ram
e l'èi restada lì sul tómol
con la sò fèrla che ll'aùta
a corér sol en atimo de pù
en vèrs la fin co i sò penséri

e a mi me resta 'n ment la ciòma bionda

Giuliano

la betulla


cadono tutte le sue foglie gialle
sul settembrino, lasciato marcire sul prato,
dimenticato da mani raggrinzite
rimaste, stanche, dietro una porta
ad occhieggiare dai vetri grigi
l'autunno che cala il suo lenzuolo
colore dei vestiti degli zingari
a colorare la nostra vita
di suonate e serrature
ma le si è rotto un ramo
ed è rimasta lì sul dosso
con la sua stampella che l'aiuta
a correre ancora per un attimo
verso la fine con i propri pensieri

ed a me resta nel cuore la bionda chioma

ci sono delle cose che ad un certo punto sono impossibili da fermare...
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com