sbalià…

      6624.mp3

gai vardà ent a la roètena del cör
en mèzz al slanegàr de i campirlòti
che i entàcola i penséri mèi, de ràsa
gh’èra sol mi, co le mè smanie e le mè nòt
arcobaleni che sfendéva ‘l ciel tut grìss
canti de ciaole gio da i cròzi sora ‘l rìo
e ‘l mondo ‘ntorn pareva ‘l fuss sbalià
tut qoant, come na gràva che la trà
ài sfodegà ‘n de le me storie, fèrle strache
fintant che ‘l sol l’à fat na fìzza su ‘n te ‘l ciel
la spenge èla e se no ‘l va la rosega
en del sò nàrghe crùa encòntra a ‘l dì
sbalià no ai gatà niènt ‘n de ‘l pèt smanioss
envezi gh’èra strade pestolade tute a gesti
denànzi e anca dedré, enviade via da ‘n mat
senza la cóa a tegnìr la róta ‘n tra i bochéri
e ogni pass sarà qoél giust o no ‘l sarà
rèsta de ent ligér el sòfi al fior de ‘n grènghen
soménza ‘l spande ‘n l’aria, lassandome chi sol

Giuliano

sbagliato…

ho dato un occhio alla rovina dentro al cuore |  in mezzo all’erosione del suo incedere | ed attanaglia i miei pensieri, attaccaticci | c’ero solo io, con le mie smanie e le mie notti | arcobaleni che spezzavano il cielo grigio | feste di cornacchie dalle rocce sopra il fiume | sbagliato mi appariva il mondo intorno | tutto, come una ripa che lentamente frana verso valle | ho frugato dentro alle mie storie, stampelle stanche | fino a che il sole ha aperto un varco su nel cielo | lei spinge, lei, e se si ferma scava | nel suo crudo cammino  contro il giorno | sbagliato non ho poi trovato nulla dentro al petto | invece ho visto strade calpestate quasi a caso | in avanti e pure indietro, riaperte da un pazzo | senza coda per mantenere la rotta tra le scelte | ed ogni passo sarà giusto o non sarà | rimane dentro me, leggero, il soffio su un soffione di tarassaco | che sparge al vento i figli, lasciandomi qui solo

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






4 commenti su “sbalià…

  1. Come na grava che la trà…ai sfodegà ‘n de le me storie ferle strache.
    Si legge la visione di un mondo che frana e la ricerca dentro di se di un puntello per resistere. Le “ferle strache” danno la misura esatta della precarietà (incapacità) e della fragilità umana. Sbalià (sbagliato) è un grido di denuncia contro un mondo senza guida, in mano a gente che non ha una direzione ma va a casaccio avanti e indietro. Un mondo fragile , evanescente pronto a dissolversi con un soffio come, appunto, il soffione del tarassaco. Lirica intensa con l’apporto di un dialetto aspro che comprime in se la crudezza del messaggio e risucchia il lettore.

    1. Grazie, Livio
      come al solito scopro nelle tue (vostre) letture una chiave inaspettata. Quello che era un pensiero interiore si allarga ad un senso diverso. Grazie del commento

  2. Ringrazio chi mi ha preceduto che mi ha aiutato molto nella comprensione che tu Giuliano sai mi è spesso molto difficile.
    Dalla tua risposta mi par di capire però che nemmeno lui abbia comprso il senso che intendevi dare tu ai tuoi versi.
    Bravo egualmente.

    1. Mah, secondo me Livio ha dato una sua lettura che è ragionevolmente sostenibile.
      Il senso che io voglio dare ai miei versi è di stimolare il lettore a cercare nei propri pensieri se
      si riconosce…
      Tutto lì, grazie molte del commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available