This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Tue Aug 11 12:54:44 2020 / +0000 GMT

sbalià...




gai vardà ent a la roètena del cör
en mèzz al slanegàr de i campirlòti
che i entàcola i penséri mèi, de ràsa
gh'èra sol mi, co le mè smanie e le mè nòt
arcobaleni che sfendéva 'l ciel tut grìss
canti de ciaole gio da i cròzi sora 'l rìo
e 'l mondo 'ntorn pareva 'l fuss sbalià
tut qoant, come na gràva che la trà
ài sfodegà 'n de le me storie, fèrle strache
fintant che 'l sol l'à fat na fìzza su 'n te 'l ciel
la spenge èla e se no 'l va la rosega
en del sò nàrghe crùa encòntra a 'l dì
sbalià no ai gatà niènt 'n de 'l pèt smanioss
envezi gh'èra strade pestolade tute a gesti
denànzi e anca dedré, enviade via da 'n mat
senza la cóa a tegnìr la róta 'n tra i bochéri
e ogni pass sarà qoél giust o no 'l sarà
rèsta de ent ligér el sòfi al fior de 'n grènghen
soménza 'l spande 'n l'aria, lassandome chi sol


Giuliano

sbagliato...

ho dato un occhio alla rovina dentro al cuore |  in mezzo all'erosione del suo incedere | ed attanaglia i miei pensieri, attaccaticci | c'ero solo io, con le mie smanie e le mie notti | arcobaleni che spezzavano il cielo grigio | feste di cornacchie dalle rocce sopra il fiume | sbagliato mi appariva il mondo intorno | tutto, come una ripa che lentamente frana verso valle | ho frugato dentro alle mie storie, stampelle stanche | fino a che il sole ha aperto un varco su nel cielo | lei spinge, lei, e se si ferma scava | nel suo crudo cammino  contro il giorno | sbagliato non ho poi trovato nulla dentro al petto | invece ho visto strade calpestate quasi a caso | in avanti e pure indietro, riaperte da un pazzo | senza coda per mantenere la rotta tra le scelte | ed ogni passo sarà giusto o non sarà | rimane dentro me, leggero, il soffio su un soffione di tarassaco | che sparge al vento i figli, lasciandomi qui solo

 
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com