stràch…

      6688.mp3

l’è dì che me ronca de ent al me mì
stimàne che trògheno smanie revèrse
menùti slongadi stirona le ràgie
se pògia le ciaole sui rami de ‘nsògni
balèchi de sò, senza pali a ‘mpontarli
no gàto na spòna a polsàr le me storie
le gira ‘ntrombade de ent a le fìzze
de na plècia, cervèl, perduda ‘n la nòt
‘mbastìsso parole a contar che son vìo
le brèghelo a un che me varda da ‘n spègio
tacà a la portina de ‘n armàr carolà
el varda, ‘l me scolta po’ come spengiù
‘l se gira da l’altra e ‘l saluda machegn
se leva le spale istess che fuss niènt

me resta la nòt ensèma a le strìe
le bala e le ride e mi stìzzo ‘l fõch

Giuliano

stanco…

sono giorni che scavano dentro al mio io |  settimane che trascino le smanie più cupe | minut allungati deformano lancette | cornacchie appostate sui rami dei sogni | straniti da soli, senza niente a sorreggerli | non trovo più appoggi per placare le mie ansie | che girano ubriache dentro alle pieghe | di una massa, il cervello, disperso nella notte | abbozzo parole per dire “son vivo” | le urlo feroci a uno che mi osserva da dietro uno specchio | appeso a un’antina di un armadio tarlato | mi guarda, mi ascolta e poi come rapito | si gira di scatto e saluta impetuoso | ed alza le spalle, superbo | rimangono notti assieme alle streghe | ballano, ridono ed io attizzo il fuoco

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “stràch…

  1. Hai un gran dono Diaolin: leggere come pochi sanno! Ed è un dono importante.
    Quanto alla poesia, per quanto capisca dalla traduzione, mi pare che trasudi sconforto, disperazione:
    È l’altalena della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available