Clòmeri de ‘nsògni…

      6692.mp3

se sporca de péste la néo primaröla
zédroni ‘mbriàghi no i tonda domàn
ciapèle de òmeni, gréve, sul tómol
le usma ‘n sintér de speranze angoràde
e se sfonda le scarpe da tènis sbusàde
istess de bachéti ‘mpiantadi ‘n na pózza
a tènderghe a osèi dré a bagnarse ‘l sò bèch
se sqoérge la sera de linzöi, ‘mbotonàdi,
slusènta de stéle, sarmàndola nòt
cognosso le vózi furèste ‘n te ‘l cör
le tròghena smanie de néte fianèle
e odori de pasti che slanega lengue
sugàde da prèssa de aver paradiss
se cucia le rame su le schene engobìde
l’è vis’cie, caréze, par àseni e mùi
vegnudi da ‘n do che creden sia tut bel
ma chive l’è nòss, par niènt no se à nient
Hotel sota ‘l pònt, menù su la carta
cartoni i piumini

i töl dré i sò ‘nsògni
i li pògia sul banco
valgun vargot crompa
valgun tira gió

Giuliano

venditori ambulanti di sogni

si sporca di tracce la prima neve | e i galli cedroni non danzano più | orme profonde di uomini sul colle | disegnano un sentiero di delicate speranze  | e affondano scarpe da tennis bucate | come fossero rametti piantati in una pozza | per prendere uccelli intenti a dissetarsi | si copre la sera di un lenzuolo, silenzioso, | lucente di stelle, salamandra la notte | conosco le voci forestiere nel cuore | trasportano smanie di flanelle pulite | e odori di cibo a irretire le lingue | asciugate dalla fretta di essere in paradiso | si piegano le fronde sulle schiene incurvate | sono staffilate, carezze, per asini e muli | arrivati da dove crediamo tutto sia bello | ma qui è tutto nostro, con niente non si ha niente | Hotel sotto il ponte, menù su una carta oleata | di carta i piumini | si portano i sogni | li esibiscono sul banco | qualcuno compra qualcosa | qualcuno contratta

Musica di sottofondo: Celtic Music – Fairy Forest

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available