De là da ‘l fòss…

      6696.mp3

e zérca e zérca e  sfódega  la mént
m’ài rendù cònt del tó ‘n tra mi e mè ca’
è tut restà al de là, via oltra ‘l  sgrèben
roncà da ‘n rìo de ciacere e penséri
de ‘nsògni tórboi, desidèri
negre gocie ‘n ponta a ‘n làpis
en pònt solàgn sul fòss ‘n de la mè testa
el me ‘mbriàga mizz, co ‘l cant che ‘l par sirene,
de far stropaie còntra ‘l mè sbrindolar balèch
pogià su le mè gambe entortolàde a la passión
sta strìa che la me ‘ncànta a ór de sbriòchi

de là da ‘l fòss ài la cardènza de i recòrdi
co i cassettini e ‘l sò caröl che ‘l nìna nòt
la mè zibòga a bramàr man e braciacòi
e i òci töi che i me ‘mbarlùma nébie cète
dai dai da ‘n pèz che su na ponta de matita
se tèn empè qoél baticör che ‘ntòna ‘l tèmp
pan pian de sot se rosega le ròste
e se slontàna anca i mè passi ‘n contra al vènt

de là da ‘l fòss resta ‘n sólch che è sol ciapèle
e ‘l rèst lè chìve, passà qua ‘l ultim menùt
l’à traversà qoél lapìs, sbusà fiss el migól
scampà ligér su ‘n fòli de scondon
prima che sparìss tut, smolinà via
magnà da ‘n spizzalàpisi

Giuliano

al di là del fosso…

e cerca e cerca e poi rovista nella mente | mi sono reso conto del baratro tra me e la mia casa | tutto è rimasto al di là del dirupo | scavato da un rivo di chiacchiere e pensieri | di sogni torbidi, desideri | gocce nere in punta a un lapis | unico ponte sopra il fosso dentro la mia testa | mi ubriaca, fradicio, col suo canto che pare sirena |  di mettere un limite al mio gironzolare sbrindellato | appoggiato alle mie gambe avvinghiate alla passione | questa strega che mi attrae a tutti i margini  dei precipizi | di là del fosso ho la madia dei ricordi | coi suoi piccoli cassetti  ed il tarlo che accompagna le notti | la mia fisarmonica che brama, muta, mani e abbracci | e gli occhi tuoi che mi illuminano da nebbie chete | è ormai da un pezzo che su una punta di matita | si regge il ritmo del mio cuore che accorda il tempo | pian piano, sotto, si sgretolano le rive | e si allontanano i miei passi incontro al vento | di là del fosso rimane un solco fatto di orme | il resto è qui, è passato l’ultimo attimo | ha attraversato il lapis | gli ha bucato il midollo | fuggito leggero su un foglio,  in segreto | prima che tutto svanisca, macinato | divorato da un temperamatite

Musica: Claire de lune, Debussy

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “De là da ‘l fòss…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available