la facéra…

      6711.mp3

na volta, me recòrdo, èra putàt
a Nadàl tute le gènt se la rideva
contente e ‘mbarlumade da la festa
da prim èra passà la Santa Lùzia
co ‘l àsen cargà su, giöghi e zirèle
e i ne ‘ncantava su con qoéla slòica
che no se se pandés se la vedeven

vegnìva ‘l bambinél co i mandorlati
e ‘l cest de la Redodesa,  carbon
ancöi che ‘l saven bèn sia tut na bala
riden ancor de pù e  trinchenan bolìfe
par endorbirne font el sentiment
e  farghe bèla facia anca a i nemizi

par s’ciòp doi restelére tute bianche
facére còntra noi e ‘n mondo tórtc

na volta, me recòrdo, èra putàt
e ‘l Carneval ‘nsomiàva a libertà
de èser chiche no èra ‘n menut sol
e ancöi el resta a dirme chiche son
e a farme da facéra  ‘l muss che ài
denànzi a ‘n spègio tond che è sol bosìe
se ‘l vardo de travèrs
col cör malà de ént

Giuliano

una volta, mi ricordo, ero bambino | e a Natale tutta la gente sorrideva | contenta ed abbagliata dalla festa | per prima era venuta Santa Lucia | su un asino caricato di giochi e dolci | ma ci incantavano con una vecchia storia | di non rivelare che la conoscevamo | veniva il bambinello coi torroni | e il cesto della Befana, col carbone | e oggi che sappiamo sia tutta una balla | ridiamo ancora di più e beviamo spumante | per accecarci fondo il sentimento | e fare un gran sorriso anche al nemico | per fucile due rastrelliere belle bianche | maschere contro di noi e il mondo tronfio | una volta, mi ricordo, ero bambino | e il Carnevale sembrava libertà | di essere qualcun altro per un minuto | e oggi mi rivela solo chi sono | e uso come maschera la mia faccia | davanti a uno specchio tondo e un pò bugiardo | se lo osservo di traverso | col cuore malato, dentro

 

La musica è di Karole King, You’ve Got a Friend e la foto è dei matòci di Valfloriana

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






1 commento su “la facéra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available