embesuìdi…

      6731.mp3

par ‘n altro mondo ogni doman
canti de osèi che sfieta l’aria crùa
nùgole sgionfe preciss che da putàt
e ‘l ciél azùr che ‘l me sconfióna ént
rumor de àuti bàter d’ale de pavèle
ma i mè penséri i sgola a bòtaciuch
enmaginando, nét, qoànche ‘l orlòi
darà de vòlta ‘n cessacùl, torégn
le gènt, lontàne, pegore spavènte
con tut el tèmp perdù ‘n menuti
che i ghe pàr bézi a balón
le speta luce verda a nar de onda
a meterse de nöo a ‘mpienìr buse
e tut sto tàser fiss de ‘l mondo entorn
se perderà ‘n te ‘n crèp senza redentio
lassando che la storia no la còntia
e i s’ciavi i restass cióti come aéri

Giuliano

ipnotizzati…

sembra diversa ogni mattina | canti di uccelli tagliano l’aria dura | nuvole gonfie come quand’ero bambino | e un cielo azzurro che si fa posto dentro al cuore | rumore di automobili come batter d’ali di farfalle | ma i miei pensieri volano a casaccio | immaginando, chiaramente, quando l’orologio | tornerà sui propri passi, arido |  la gente, lontana, come timide pecore | con tutto il tempo perso in minuti | che sembrava fiumi di denaro | attendono il verde di un semaforo per andare veloci | a rimettersi a riempire buche | e questo silenzio intenso del mondo intorno | finirà in un tonfo senza scampo | lasciando che la storia sia solo fumo | e gli schiavi  castrati come ieri

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available