Pàirisc…

      6734.mp3

Su le corde de ‘n spartito a sète passi
se sbalanza quatro àrfi de zibòga
tràti lì da ‘n sonador co i òci grévi
par contàrne le sò nòt da rotolàna

Doi par man e trei ennanzi, ‘n pè par aria
l’è ‘l respiro de ‘n pensér che sgola alt
pàr na cònta de putàti a scòndiléoro
che ‘mbastisse a modo sò ‘n amor furèst

Bate ‘l bòt le scarpe, ‘n tèra, orlòi bosiadri
anca ‘l tèmp, compagn torégn, el spèta ‘n cìn
e a qoél un che ‘l sghigognàva sul portón
ghe se ‘mpónta lì na nota come ‘n cìch

Tut se ferma ‘n na siráca e l’uss se sèra
parla sol la luminària del Comun
e i amori de’ n putàt scondù ‘n te ‘n vòlt
i è ‘l color de la pitura dei so’ ensògni

tràti lì sui salesàdi  a tegnir calt

Giuliano

Pàirisc…

sulle corde di una partitura Sette Passi |  ondeggiano quattro respiri di una fisa | messi lì da un suonatore, gli occhi bassi | ci racconta le sue notti, pipistrello |  due per lato e tre in avanti, un piede al vento | e il respiro di un pensiero vola alto |  sembra un racconto di ragazzi a nascondino | a imbastire a modo loro amori stranieri | tengono il passo le scarpe a terra, orologi bugiardi | e anche il tempo, arido amico, attende il colpo | e a quel tipo che strimpella sul portone | gli si impunta fisso un tasto, quasi un grido | tutto cede a una bestemmia e l’uscio sbatte | parla solo la luminaria del Comune | e gli amori di un ragazzo ben nascosto nell’avvolto | sono il tiepido colore del dipinto dei suoi sogni | abbandonati sul selciato a riscaldarli

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “Pàirisc…

Rispondi a Serena Casagranda Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available