balèngo… (torégn)

      6802.mp3

l’è òstie de ‘n reméngo a sconfionàr giornàde
piture de strangóssi för da nòt ensìn malade
scoménzies via na slòica con tute le tò crós
empiantes ciòdi fondi ‘n la carne enrugiolìda
la còlpa l’èi bèn tòa, ma pìndola ‘n batòcio su le cràpe
campane ‘n còsta al vènt
na volta le pàr chive e qoél altra ‘n cant lontan
e i zifoi de na soga che stirona
i strussia ‘n bus stracià,  dai dai sèmpro pu làrch
col cao ‘mbugnà, te sfregoles le man de ‘l tò òio sant
lassandola rassàr che pan pianin la zédia
‘n festìdi a chiche tase ma ‘l varda e ‘l resta mut

Giuliano

balengo…

bestemmie di un ramingo a sconcertarci il vivere | dipinti di ansie dalle notti di dolore |  cominci la tua nenia con tutte le tue croci |  affondi chiodi irti nella carne arrugginita |  la colpa, lo sappiamo, è solo tua | ma dondola il battocchio del giudizio sulle teste | campane in balìa del vento |  una volta vicine  e quell’altra cantano altrove |  e i fischi di una corda che si struscia |  accarezzano un buco consunto sempre più largo |  col capo ammaccato ti sfreghi le mani col tuo olio santo (uno sputo) |  lasciandola raschiare che  rallenti piano piano |  in barba a chi è in silenzio ma guarda e rimane muto

 

Musica: Arvo Paert Lamentate

 

Sto cercando di leggere i dettagli di alcune caratteristiche umane usando me stesso come cavia

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons