na stéla…

      1453.mp3

sta nòt la s’è smorzàda gió pan pian
en de ‘n cantón del ciel che sbrigolàva
senza che se pandés susùri, a resonàr

l’ài vista a ‘ndromenzàrse sóta ‘l naš
voltà su ‘n vèrs le stéle che scorlava
e con negùn che dìghia “te vöi ben”
tirando su na qoèrta a tegnìr calt
par destempràr le nòt da ‘nsògni e sgrìsoi
con en basìn pogià ‘n lònga na récia

sta nòt, qoéla lumeta l’èi partìda
ai ‘n mént par narghe ‘ncòntra a l’amor sò
sconduda a tut qoél slùser de caïa
dedré da ‘n us che adès l’è senza snöl
e tut entorn quel baticör che slànega
soméa come na sbrìnza sul fosìn

sta nòt la s’è smorzada gió pan pian
qoela lumàta che angorava ‘l sol
lasandose crodàr su ‘n sgol soléo

via ‘n mèz a ‘n prà de fiori a far l’amor

Giuliano

questa notte si è spenta dolcemente
in un angolino del cielo che brulicava
senza fare nessun rumore, per avvisare

l’ho vista che si addormentava sotto il mio naso
voltato in su verso le stelle che tremavano
e con nessuno che le dicesse “ti voglio bene”
tirandole su la coperta per tenere caldo
per mitigare le notti da sogni e brividi
con un bacino appoggiato dolcemente vicino ad un orecchio

questa notte quella lumetta è partita
penso, per andare incontro al proprio amore
nascosta da quel luccichio avaro
dietro ad un uscio a cui manca la maniglia
e tutto intorno quel batticuore che lo altera
mi sembra quasi uno spruzzo di colore sulla fuliggine

questa notte si è spenta piano piano
quella lucciola che desiderava calore
lasciandosi cadere in un volo delicato

in mezzo ad un prato di fiori per fare all’amore

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






3 commenti su “na stéla…

  1. La trovo, come dire, molto delicata, un po’ melanconica, sentimentale. Sicuramente molto armoniosa nel suo insieme sonoro.
    L’ho ascoltata e riascoltata ed ho pensato che la lucciola, beata lei, che si è spenta desiderando calore, senza che nessuno le tirasse su la coperta, il calore infine l’ha trovato fra i fiori del prato.
    Poteva desiderare qualcosa di meglio?

    Nel nostro dialetto lucciola è “panevèl”, termine che mi sembra assai poco armonioso per un insetto così delicato.

  2. Mi piace questo tuo sogno d’amore..

    sta nòt la s’è smorzada gió pan pian
    qoela lumàta che angorava ‘l sol
    lasandose crodàr su ‘n sgol soléo

    via ‘n mèz a ‘n prà de fiori a far l’amor

    ….premesso che mi piacerebbe tanto poter sparire tra i prati come quella stella caduta dal cielo..

    mi piace quell’idea “malandra” che ti fa vedere l’amore come un morire dolcemente perdendo la freddezza del cielo di notte
    …per inseguire il sole e abbandonarsi per quell’incantamento di parole solo sussurrate in un orecchio e farsi rapire in un volo..
    senza avere paura di cadere…

    Ciao. Una stella che ha voglia di sparire dal cielo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available