auguri a ti

      1499.mp3

te voria dir con doi parole ‘n cros
che ‘ncöi l’è ‘n di par i tò oci
coi ciaresari a spas ‘n de ‘l bosch
e le menudole selvadeghe
coi fiori a rampegàrse sui salgàri

te vorìa dir che ‘l dì deventerà
‘n slusor de stéle pàlide
tompèsta sula nòt emparmalosa
linzöl fat de lumàte che le brìgola
come ‘l sia ‘n baticör, sosta de orlòi

te vorìa dir che una l’èi la tòa
che se la vardes fisa la se scònde
par pò ciutar de sò da ‘n altra man
e corerte li arènt come ‘n minòt
corios e con en sgnàol tegnirte sò

l’è ‘n dì fat de parole ‘ntortolade
coside ‘nsema con en fil de fum
che ‘l lasa dent ‘n de l’aria na careza
profumo de ‘n fioret sbocià ‘n de man
su ‘n petalo che cròda e nase ‘l sol

Giuliano

vorrei dirti con due parole appena
che oggi è un giorno per i tuoi occhi
con i ciliegi a spasso dentro il bosco
ed il convolvolo selvatico
coi fiori ad arrampicarsi sui salici

vorrei dirti che il giorno diventerà
un luccichio di pallide stelle
tempesta sulla notte permalosa
lenzuolo fatto di lucciole che brillano
come fosse un batticuore, molla d’orologio

vorrei dirti che una è la tua
che se la osservi attentamente sparirà
per farsi viva da un altra parte
e correrti vicina come un gattino
curioso e con un miagolio renderti sua

è un giorno fatto di parole attorcigliate
cucite assieme con un filo di fumo
che lascia dentro l’aria una carezza
profumo di un fiorellino sbocciato in mano
su un petalo che cade e nasce il sole

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






1 commento su “auguri a ti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available