cöri de tìa…

      1618.mp3

la rógia a l’aqoa bòna la fà còcoi
corèndo sguèlta a pirli ‘n mèz ai saši
e i félesi, cortèi, che i crése ‘n lònga
i la strénge ‘n na musìna, a braciacòl

el cùco ‘l canta fis na vècia slòica
‘n scarsèla me  sdindona na monéda
i dis che al sò prim cant pòrtia fortuna
en gabanòt par man, schèi a balon

ài vist crodàr dal témbel na foiéta
e come na trivela nar gió ‘n trà
su ‘n maz de genzianèle ‘mpituràde
che le sbianchégia ‘l prà de ciel patòch

la vita mèa l’èi come qoela föia
portada a spas en schena da la rógia
‘mpontàda lì su l’ór a precipizi
de ‘l tèmp che no ‘l palésa i sò mistéri

la tègno struca come ‘n ram de acàz
coi fiori söi che i sa de mel pu dolcia
e i spini che i se ‘mpianta ‘n pöc pu fondi
scondudi dré qoél vért de primavera

pan pian vegnirà nòt,
canterà ‘l béghel

Giuliano

cuori di teda()

la roggia all'”acqua bòna” fa le bolle
correndo veloce a guizzi in mezzo ai sassi
e le felci, coltelli, che crescono lì attorno
la stringono come un salvadanaio, abbracciandola

il cuculo canta forte la sua vecchia tiritera
nella mia tasca il suono d’una monetina
dicono che al suo primo canto porti fortuna
avere un denaro in mano, soldi a bizzeffe

ho notato una foglia cadere dal sorbo
e come una trivella intrufolarsi
tra un gruppo di genziane colorate
che pitturano il prato di intenso cielo

la mia vita è come quella foglia
portata a spasso in schiena alla roggia
sospesa sull’orlo di un precipizio
di un tempo che non mostra le sue volontà

la tengo stretta come un ramo d’acacia
con i suoi fiori che sanno di miele dolce
e le sue spine che si piantano un po’ più fonde
nascoste da quel verde che pare primavera

piano piano scenderà la notte
canterà il gufo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






5 commenti su “cöri de tìa…

  1. Diablo…
    teniamocela stretta quella roggia! Noi siamo foglie che volteggiano al vento, spesso ci tuffiamo, ma quasi mai sappiamo dove andiamo!
    Ciao … brao!

  2. La tua poesia sempre (o quasi) ispirata da un sentimento-racconto della Natura la cui verità e bellezza purtroppo oggi sono troppo spesso dimenticate…

  3. Ti leggerei senza fermarmi mai.
    Sei musica quando parli della tua terra.
    Dei tuoi luoghi.
    Ci cammino e ne sento i rumori.
    Gli odori che portano al passato…
    Vorrei passeggiarli con te e scoprire che parlano con la tua voce.
    Grazie, Giuliano.

  4. si sta come le foglie..
    che il vento scuote o accarezza
    per un suono dolce e un suono duro.
    Si sta sempre a piedi nudi
    perchè si possa sentire …
    la terra e l’acqua
    il caldo e il freddo
    E si vive come se fosse sempre
    un giorno senza contare i giorni
    un giorno che viene domani
    un giorno che non ha domani
    questo tempo presente che stringi a te
    nelle tue mani
    è il tempo che vive come l’acqua che scorre
    e segue il suo miracoloso movimento
    sconosciuto
    che non conosce il domani…

Rispondi a iaio59 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available