This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Aug 23 6:36:03 2019 / +0000 GMT

bale…


sarìa bastà sol na caréza
pogiàda al zuch, lustro, de préda
sul campìgol de cavèi arbandonadi
o 'n sofi tébi 'n de na récia
che susuràs che šès chi arènt
sentada a l'or dei sogni mèi
entant me 'nmùcio le parole
en sföi de carta 'nrapoladi
come giòmi da sgartiàr

doi sgrìfi, roši
fòrsi negri o gnènt en tut
pò giugo a 'ntrifàr drit
el bus del šécio 'n de 'l canton
tirar balòte che no 'l sai se 'l sia bosìe
spariše tut för da la ponta de  qoél lapis
sèmpro parole, sol manìpoi
par sugarme gió la rógia
gomér su le mè gàlte

a roncàr font

Giuliano

sarebbe bastata solo una carezza
appoggiandola alla testa, lucida, e dura
sul pascolo sfoltito di capelli
od un tenue soffio in un orecchio
che raccontasse della tua presenza
seduta al bordo dei miei sogni
intanto ammucchio le parole
su fogli di carta appallottolati
come gomitoli da dipanare

due graffi, rossi
forse neri o niente in tutto
poi gioco a fare centro
nel cestino all'angolo
tirando palline che non so se siano bugie
scompare tutto attraverso la punta della matita
sempre parole, solo fazzoletti
per asciugare quel rigagnolo
vomere sulle mie guance

che scava profondamente
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com