travòlti…

      1685.mp3

l’ài gatà soliènt, cucià, a ciaceràr cole genziane
rebaltà sora ‘l sintér coi sò rami ancora verdi
tut entórn i boton d’òro che i cantava l’angonìa
e la dàsa stofegàda a sfregolàrse sul brocón

se sentiva odor de ràsa, de šànch biót emprofumà
ultim sbròch de avéz che piange, tràt lì ‘n tèra a svoltolon
m’ài sentà lì arènt tasèndo a scoltàr pašión ‘mbombìde
sora ‘n ram gh’èra ‘n crosnòbol a fis’ciàr le sò orazion

l’à piangiù par tut el dì, somenàndo ‘ntorn le làgreme
pò da sót gió ‘n vèrs la val vèn su un con na manàra
el se rampega pan pian, pò ‘l se ferma e ‘l tira ‘l fià
el se ‘mpiza su na ghèba, gió doi crèpi e tàse tut

Giuliano

l’ho trovato solo, piegato, a chiacchierare con le genziane
capovolto sopra il sentiero con i suoi rami ancora verdi
tutto attorno i botton d’oro che cantavano le litanie
e la frasca soffocata a strusciarsi addosso all’erica

si sentiva odore di resina, come di sangue profumato
ultimo strascico di abete morente, riverso a terra
mi sono seduto vicino in silenzio per ascoltare passioni intense
sopra un ramo c’era un crociere che fischiava le sue preghiere

ha pianto per tutto il giorno, seminando intorno lacrime
poi dalla valle giù sotto  sale uno con un ascia
si inerpica piano piano poi si ferma e tira il fiato
si accende una sigaretta, poi due colpi e tutto tace

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






6 commenti su “travòlti…

  1. “se sentiva odor de ràsa, de šànch biót emprofumà
    ultim sbròch de avéz che piange, tràt lì ‘n tèra a svoltolon
    m’ài sentà lì arènt tasèndo a scoltàr le sò pašión
    sora ‘n ram gh’èra ‘n crosnòbol a fis’ciàr le sò orazion”

    Tu, solo tu..puoi raccontare questa agonia della natura distrutta per niente ..con la passione che hai dentro l’anima..
    Questo silenzio che tace le lacrime… dopo una sigaretta..che uccide.
    Questa natura che hai reso così profondamente umana..come un dolore che si sente dentro per un atto empio e ingiusto, credo..quell’albero abbattuto per niente…Piange come un uomo o una donna ferita a morte.

  2. Ciao Diablo
    l’ài sentù anca mi ancòi quel bon odor de rasa! L’èra lì, rebaltà l’avèz! Me pareva che ‘l tiras ancora el fià, ultime sboconade de aria bòna, prima de nar al zimitèri. L’è stà come ‘n òbito co’ l’Arciprèt che g’à cantà ‘l Tè Deum, ‘nànzi de dezziparlo! Po’ i l’à trat lì, su l’or de strada, e elo el strangossava… lagrime de rasa! Mi g’ài cantà l’ultima orazion con en fil de voze… Adès el tase! Doman? fòrsi el sentiron ancor, ma sarà tardi parché a sgnifotar, sarà demo le brase!

  3. Un cuore tanto dolente da togliere il fiato… oggi moltiplicato per alberi e alberi e alberi… e neanche un canto a consolare una terra che ha perso i suoi figli fruscianti…grazie sempre del tuo cuore, Diaolin

Rispondi a iaio59 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available