la rógia…

      1472.mp3

sbòfa de nugole
pu mìze  e ‘n pöc revèrse
pogiàda come bata su la föia dei salgàri,
‘mpasiónadi, ma de šò
la córe pan pianìn
via par le ròste
a slùser bianca
sbòfa
àqoa che bóie
a trivelàr ‘n de i molinèi
mél che se taca fisa ai dedi
sgéva, dent ai mè penséri
strengèndo ‘l vöit soliènt
de le man tòe
slišàde ‘ndòš, parùše
l’èi rógia che la sgocia gió dal qoèrt
‘ntrà le canàl
per scampàr för
da ‘n bùs tut roš de rùgen
mišiandose ‘n na póza
e man a man
la gócia contra ‘l sol devènta stéla
a ‘mbarlumàr le nòt
che ti no gh’ès
perduda ‘n de ‘l profumo
dei linzöi
lašadi chi

Giuliano

il ruscello…

schiuma di nuvole
più umide ed un pò arrabbiate
appoggiata come cotone sulla foglia del salice
afflitto, ma di suo
corre piano piano
lungo gli argini
per luccicare bianca
schiuma
acqua che ribolle
insinuandosi nei mulinelli
miele che si attacca alle dita
sverza conficcata nei miei pensieri
stringendo il vuoto immenso
delle tue mani, delicate come cinciallegre
è ruscello che gocciola dal tetto
tra i canali
per sfuggire
da un buco di ruggine rossa
mischiandosi in pozzanghera
ed intanto
la goccia incontra il sole e diventa stella
per abbagliare le notti
che non ci sei
perduta nel profumo
delle lenzuola
lasciate qui


Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






3 commenti su “la rógia…

  1. E polsàr, mai?

    Tutta è notevole e degna di rispetto. Ma i veri versi, quelli che io sento di più sono questi:

    ….
    e man a man
    la gócia contra ‘l sol devènta stéla
    a ‘mbarlumàr le nòt
    che ti no gh’ès
    perduda ‘n de ‘l profumo
    dei linzöi
    ….

    che io, perdonami, chiuderei con

    desmentagadi.

  2. Diaolì…..

    Tu che sai mescolare con arte poetica
    sostanze naturali che scolpiscono dentro.
    Materie vive che diventano forma
    Come fossero parole di carne.

    Goccia a goccia
    Parola di parola profumata
    Denudi l’anima tua e ne fai un canto
    Per noi.
    Lasci una scia di passione,
    come anche una persistente nostalgia.

    Questa tua, per me, nuova poesia,
    mi viene dentro con forza,
    una immagine di bellezza che
    addolcisce come miele
    un dolore per un assenza.

    Una traccia di memorie
    che s’infiltra nelle pieghe
    sottopelle che è viva
    come un nervo scoperto.
    Una sensibilità d’amore
    che si ricrea nella visione,
    come fosse una quinta Caravaggesca,
    in quella lama di luce radente tra
    quelle fresche bianche lenzuola.
    Permane insistente nell’aria di notte
    quel “desiato” profumo di donna,
    al quale abbandoni l’anima..

    “àqoa che bóie
    a trivelàr ‘n de i molinèi
    mél che se taca fisa ai dedi
    sgéva, dent ai mè penséri
    strengèndo ‘l vöit soliènt
    de le man tòe
    slišàde ’ndòš, parùše”

    Un bacio per ogni tua rima..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available