el sposalìzi…

      1483.mp3

l’è ‘n di de primavera bèl solìo 
co i ciaresàri bianchi che i và a spaš 
e odor de mel ‘n de l’aria ‘mprofumàda
da ‘n sciàp de viole azùre e ‘n persegàr

color de vita sóta a föie paše
na miöla la me ciùta för ‘ntrà i róvi
e slizega pu ‘mprèša ‘n carbonàr
cercarse la sò bèla a far filò

come che dis qoel una da la baša
l’è sqoasi ‘n sposalizi i ciaresàri
vestidi su da spóse ‘nnamorade
par maridarse ‘mprèša al cant del sol

e su la man me resta, bianch soliènt,
el vel de na matèla sconosùda 
portà dal vènt rebùf da dré la crós
pogià par carezarme fòrsi mi

e pò sgolar lontan dedré ‘l sò amor

Giuliano

 

il matrimonio…

è un giorno di primavera solatìo
con i ciliegi bianchi ceh vanno a spasso
e odore di miele nell’aria profumata
da un gruppo di viole azzurre ed  un pesco

colore di vita sotto le foglie appassite
una lucertola esce curiosa dai rovi
e scivola veloce un biacco
alla ricerca della sua bella per farle la corte

come mi ha rammentato una*** che viene dalla bassa
sembrano quasi uno sposalizio, i ciliegi
vestiti come spose innamorate
per dire il loro si al canto del sole

e sulle mani mi resta, bianco e solo
il velo di una fanciulla, sconosciuta
portato dal vento insistente da dietro la Croce
appoggiatosi per darmi l’ultima carezza

e poi volare lontano a rincorrere il proprio amore
***(Clizia, è di Verona)

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






1 commento su “el sposalìzi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available